vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Forno Canavese appartiene a: Regione Piemonte - Città metropolitana di Torino

Economia

L'economia fornese è da secoli basata principalmente sull'attività industriale, dapprima con l'estrazione e poi con la lavorazione di metalli e altri materiali. Nel Medioevo ebbero inizio le attività di estrazione della calce, in vari siti definiti "crosi", e del ferro, dalle rocce di Frera. L'attività di estrazione e lavorazione della calce fu al centro di un fiorente commercio della calcina che coinvolgeva gran parte della comunità.
Oggi questa lavorazione è del tutto scomparsa ma rimangono alcune tracce dell'attività estrattiva, soprattutto lungo il corso del torrente Levone. Il ferro estratto nel territorio era invece la base delle diverse lavorazioni attuate presso le numerose imprese che andavano via via nascendo a Forno, imprese spesso a conduzione familiare che potevano sfruttare la ricchezza d'acqua del territorio per azionare i mulini necessari alla lavorazione del metallo.
Queste piccole e grandi industrie, dedite prevalentemente ad attività di stampaggio a caldo del metallo, fecero di Forno un centro d'importanza per la nascente industria piemontese già nel 1800 e uno dei paesi più industrializzati d'Italia.
Alcuni degli insediamenti produttivi originari si sono accresciuti fino ad avere carattere industriale, ed alcuni esportano i loro prodotti addirittura all'estero. Quelle più famose in tal senso sono la "Coltelleria Marietti" e la "FACEM" che commercializza da decenni i suoi prodotti nel settore dei casalinghi con il marchio "Tre Spade". Oltre alle lavorazioni industriali sono presenti sul territorio varie attività artigianali. Di queste alcune hanno ottenuto riconoscimenti a livello regionale, come la definizione di "Eccellenza Artigiana' della Regione Piemonte raggiunta dai produttori Bertot Armando e Demartini Mauro per i prodotti da forno e dalla falegnameria Data Blin per le lavorazioni artistiche nella fabbricazione di serramenti.
Inoltre i torcetti prodotti da Bertot Armando e i grissini stirati di Demartini Mauro sono entrati a far parte del Paniere dei Prodotti Tipici della Provincia di Torino.
Infine, l'agricoltura non riveste più grande importanza trattandosi di una attività svolta quasi esclusivamente per soddisfare i fabbisogni familiari.
Solo la coltivazione della vite ricomincia a rivestire una certa importanza, con la produzione di vini di qualità e con la selezione di particolari varietà di vitigni.